Articoli marcati con tag ‘contributo psicologia’

Il contributo della psicologia nell’ambito della riabilitazione

Riabilitazione e’   :

Etimologia
Da latino re- restitutivo, habere, possedere

Definizione della Riabilitazione

La riabilitazione è un processo di soluzione dei problemi e di educazione nel corso del quale si porta una persona a raggiungere il miglior livello di vita possibile sul piano fisico, funzionale, sociale ed emozionale, con la minor restrizione possibile delle sue scelte operative.

Bollettino Ufficiale della Regione Campania n. 22 del 03 maggio 2003 2 / 37

L’insieme delle misure mediche e fisioterapiche volte al recupero della piena funzionalità di un arto o di un organo leso; l’insieme delle misure mediche, fisioterapiche e psicologiche volte a migliorare e ripristinare l’efficienza psicofisica di soggetti affetti da minorazioni congenite o acquisite.

(De Mauro)

:
Reintegrazione di una persona, ritorno, restituzione a una normale attività, efficienza o altro (Zingarelli).

Ripresa della funzionalità di un arto (BUR).

Riferita al dominio sanitario, branca della medicina che comprende tutte le manovre terapeutiche che mirano alla prevenzione e alla riduzione degli esiti invalidanti delle malattie, con il fine di migliorare la qualità della vita in relazione della persona al suo ambiente, e si propone diagnosi, valutazione dell’handicap, trattamento precoce, adeguato e correlato con i farmaci (Encyclopédie MédicoChirurgicale, Elsevier).

Riabilitare: conforme al significato dell’inglese to rehabilitate, restituire un grado di efficienza e di funzionalità

(Devoto Oli).

E‘una specialità medica indipendente che è interessata in particolare alla promozione del ‘funzionamento’ fisico e cognitivo, delle attività (compresi i comportamenti), della partecipazione (compresa la qualità della vita) e con la modificazione dei fattori personali e ambientali.

(Physical Medicine and Rehabilitation 2004)

Seguendo le due successive linee guida dell’OMS, può essere vista come un intervento globale per prevenire o eliminare l’handicap (ICIDH), o per preservare o allargare l’area della partecipazione (ICF).

Obiettivi fondamentali, inizio e termine dell’intervento riabilitativo

L’intervento riabilitativo viene finalizzato verso quattro obiettivi:

• il recupero di una competenza funzionale che, per ragioni patologiche, è andata perduta;

• l’evocazione di una competenza che non è comparsa nel corso dello sviluppo;

• la necessità di porre una barriera alla regressione funzionale cercando di modificare la storia

naturale delle malattie cronico degenerative, riducendone i fattori di rischio e dominandone la

progressione;

• la possibilità di reperire formule facilitanti alternative.

L’intervento riabilitativo ha inizio al momento stesso in cui il danno s’instaura. Il termine è definito da

un accurato bilancio tra la stabilizzazione degli esiti e la presenza di potenzialità di recupero. Alcuni

criteri relativi a tale valutazione verranno indicati nel corso del testo.

Soggetti ed aspetti coinvolti

Il processo riabilitativo coinvolge anche la famiglia del soggetto e quanti sono a lui vicini. Di

conseguenza, il processo riabilitativo riguarda, oltre che aspetti strettamente clinici anche aspetti

psicologici e sociali.

European  Definition of Medical  Act :

- 3 November 2006 -

Meeting in Budapest.

The medical act encompasses all the professional action, e.g. scientific teaching training and educational, clinical and medico-technical steps to promote health and functioning, prevent diseases, provide diagnostic, therapeutic and rehabilitative care to patents, individual groups or communities and is the responsibility of and must always be performed by a registered medical doctor/physician or under his or her direct supervision and/or prescription.”

European Union of Medical Specialists
Section of Physical and Rehabilitation Medicine

Union Européenne des Médecins Spécialistes
Section de Médecine Physique et de Réadaptation

European Society of Physical and Rehabilitation Medicine

Conclusioni

La riabilitazione è fondamentalmente un atto medico-organico.

La psicoterapia è un percorso che non pretende di ri-qualcosa cerca, con diverse forme, diverse strade, diversi approcci, di rendere la vita di ognuno (paziente o semplice individuo che ne abbia fatto richiesta) diversa (non diciamo migliore ma più accettabile).

Se entriamo nella logica Riabilitativa allora dobbiamo pensare che esiste una modalità standard di essere e che quindi possa esistere un “Prototipo della persona perfetta” =???

Se entriamo nel protocollarismo medico allora saremo dei subordinati per sempre perché questa modalità è tipica di quella specialità scientifica.

In medicina è il farmaco che cura il paziente.

In psicologia è lo psicoterapeuta che cura il paziente.

C’è un abisso…

E’ inutile seguire la medicina sul difficile terreno della legittimazione scientifica.I nostri accademici dovrebbero saperlo….ma non lo sanno!!!

VAE VICTIS…